Passante Nord: cosa dice il PD in regione

 

Già in passato avevamo parlato della presentazione della mozione del M5S in regione a firma Silvia Piccinini, si era detto “Il PD vuole il passante” e così crediamo che sia,  vogliamo però che possiate giudicare voi quale è la posizione del partito a noi avverso (cit.), mettiamo quindi online la risposta alla mozione dell’assessore Donini che spiega all’ aula la posizione del partito.

Dovendo estrarre i concetti salienti dell’intervento è preoccupante che Autostrade SpA debba presentare un progetto (poi lo realizzano!) proprio a Luglio, è positivo che venga presa in considerazione l’alternativa al passante nord che eviterebbe lo scempio. Non dobbiamo dimenticare che tutti i progetti alternativi al passante hanno un “difetto”, non rendono edificabili i terreni circostanti al nastro d’ asfalto che non si farebbe e questo conta, eccome.

Occorre spendere due parole sull’alternativa al passante, un progetto da tempo validato dall’università che prevede la sostituzione dei terrapieni laterali della tangenziale con strutture in cemento. Nuove corsie verrebbero ospitate ed il problema tangenziale risolto, sotto le nuove corsie potrebbero essere costruite piste ciclabili e trasporti leggeri su rotaia (è proprio nel progetto). Meno costi, risoluzione del problema, trasporti alternativi implementati, consumo di suolo zero. Alternativa batte passante 10 a 0. Evidentemente in casa PD i criteri di valutazione dell’opera non sono esattamente “la scelta migliore per la comunità” ma anche altri.