Messaggio sab giu 14, 2014 2:21 pm

Nuovo Consiglio Comunale "maxi"

Giovedì si è insediato il nuovo Consiglio Comunale e l’occasione per cominciare a dissentire dalle scelte della maggioranza non si è fatta attendere.
La nuova amministrazione ha optato per un numero di 5 assessori, pari al massimo attualmente previsto dalla legge, e per l’elezione di un Presidente del Consiglio Comunale, ruolo che in base alla legge potrebbe essere svolto dallo stesso Sindaco. Nel nostro Comune la figura del Presidente del Consiglio Comunale è stata introdotta dallo Statuto, quindi si tratta di una scelta discrezionale. Non solo: la neoeletta consigliera Da Re si è dimessa per assumere il ruolo di assessore e permettere l’ingresso in Consiglio al primo dei non eletti, Rizzi, che è stato quindi eletto presidente del Consiglio Comunale.
Tralasciamo qualunque considerazione sul mancato rispetto mostrato nei confronti delle preferenze espresse dal proprio elettorato; per l’appunto, non si tratta del “nostro” elettorato ma di quello PD.
Dobbiamo però constatare che queste mosse, che ricordano più gli scacchi che la politica, sembrano finalizzate ad assegnare il maggior numero possibile di incarichi. Abbiamo chiesto che il Consiglio venga informato in merito ai costi di questa nuova amministrazione dimensionata ai massimi livelli ammessi, e presteremo particolare attenzione agli eventuali rimborsi richiesti dai datori di lavoro dei nuovi consiglieri ed assessori (ricordiamo che il Comune è tenuto a rimborsare contributi e TFR al datore di lavoro di dipendenti che chiedono aspettative per ricoprire incarichi pubblici).